Edizioni Discovery

 

Yogi Ramacharaka | Edizioni Discovery | Discovery Publisher
Edizioni Discovery, non include solo autori, editori e designer, ma anche responsabili di progetti, fotografi, registi, narratori, poeti e artisti.
Edizioni Discovery, pubblicazione, media, libri, tascabili, ebooks, kindle, ibooks, applicazioni mobili, google play, windows store, biografia, viaggi, spiritualità, storia, romanzo, trasformazione personale, crescita spirituale, risveglio, autore, insegnante spirituale, pensatore , guaritore, visionario, artista
18647
page-template-default,page,page-id-18647,page-child,parent-pageid-16021,bridge-core-1.0.5,,qode-page-loading-effect-enabled, vertical_menu_transparency vertical_menu_transparency_on,side_area_uncovered_from_content,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-18.1,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive
 

Yogi Ramacharaka

Comincia prendendo un oggetto familiare e ponendolo davanti a te; cerca di ottenere quante più informazioni possibili su di esso. Studiane la forma, il colore, le dimensioni e le mille particolarità che si presentano ai tuoi occhi. Nel farlo, riducilo alle sue parti più semplici — analizzalo il più possibile —, dissezionalo mentalmente e studiane le parti in modo dettagliato. Quanto più semplice e piccola sarà la parte da prendere in considerazione, tanto più netta sarà la percezione della stessa, e più vividamente la si potrà rievocare. Riducila alle più piccole proporzioni possibili, poi esamina ogni parte e padroneggiala, per poi passare alla parte successiva, e così via, fino a che non avrai trattato l'intero sistema. Dopodiché, quando avrai consumato l'oggetto, prendi una matita e una carta e butta giù, quanto più possibile, tutti gli elementi o i dettagli dell'oggetto esaminato. Una volta fatto questo, compara la descrizione scritta con l'oggetto stesso, e osserva quante cose non sei riuscito a notare.
William Walker Atkinson (Yogi Ramacharaka)

William Walker Atkinson (5 dicembre 1862 – 22 novembre 1932) fu procuratore, commerciante, editore e autore, nonché occultista e pioniere americano del movimento New Thought (Nuovo Pensiero). Si pensa che sia anche l’autore delle opere pseudonime attribuite a Theron Q. Dumont e Yogi Ramacharaka.
È autore di circa 100 libri, tutti scritti negli ultimi 30 anni della sua vita. È stato anche menzionato nelle passate edizioni di Who’s Who in America, Religious Leaders of America, e diverse pubblicazioni simili. Le sue opere sono rimaste in stampa più o meno ininterrottamente dal 1900.

William Walker Atkinson è nato da William e Emma Atkinson a Baltimora, nel Maryland, il 5 dicembre 1862. Cominciò la sua vita lavorativa in qualità di droghiere a 15 anni, probabilmente per aiutare suo padre. Sposò Margret Foster Black di Beverly, nel New Jersey, nell’ottobre 1889, ed ebbero due figli: Il primo probabilmente morì giovane, il secondo si sposò e ebbe due figlie.
Atkinson svolse la sua professione a partire dal 1882 e nel 1894 fu ammesso come avvocato all’Ordine degli Avvocati della Pennsylvania. Anche se nella sua professione di avvocato ottenne un grande successo materiale, alla fine lo stress e il sovraccarico ebbero il sopravvento, e durante questo periodo subì un completo collasso fisico e mentale accompagnato da un disastro finanziario. Cercò di guarire e alla fine degli anni 1880 trovò la cura con il New Thought, assegnando poi il recupero della sua salute, del suo vigore mentale e della sua prosperità materiale all’applicazione dei principi del New Thought.

Death Certificate for William Walker Atkinson
Mental Science and New Thought (William Walker Atkinson)

Qualche tempo dopo la sua guarigione, Atkinson cominciò a scrivere articoli sulle verità che sentiva di aver scoperto, che allora erano le cosiddette Scienze Mentali. Nel 1889, sul nuovo periodico di Charles Fillmore, Modern Thought, apparve un suo articolo intitolato «A Mental Science Catechism».
All’inizio degli anni 1890, Chicago era diventata un importante centro di New Thought, soprattutto grazie all’opera di Emma Curtis Hopkins, e Atkinson decise di trasferirsi lì. Una volta in città, divenne un attivo promotore del movimento come redattore e autore. Fu autore delle riviste Suggestion (1900-1901), New Thought (1901-1905) e Advanced Thought (1906-1916).
Nel 1900 Atkinson lavorò come editore associato di Suggestion, una rivista del New Thought, e scrisse il suo probabilmente primo libro, Thought-Force in Business and Everyday Life (Forza di pensiero negli affari e nella vita quotidiana), una raccolta di lezioni di magnetismo individuale, influenza psichica, forza di pensiero, concentrazione, forza di volontà e scienza mentale pratica.
Ha poi incontrato Sydney Flower, un noto editore e uomo d’affari del New Thought, e ha collaborato con lui. Nel dicembre 1901, prese la direzione della popolare rivista New Thought di Flower, carica che mantenne fino al 1905. In questi anni si costruì da solo un posto indelebile nel cuore dei suoi lettori. Dalla sua penna scaturiva un articolo dopo l’altro. Nel frattempo, fondò anche il suo Psychic Club e la cosiddetta «Atkinson School of Mental Science» (Scuola di Scienze Mentali Atkinson). Entrambe le sedi, si trovavano nello stesso edificio della Flower’s Psychic Research and New Thought Publishing Company.
Atkinson fu un ex presidente della International New Thought Alliance.

Nel corso della sua attività professionale, si credeva che Atkinson avesse scritto utilizzando molti pseudonimi. Non si può dire se egli abbia mai confermato o negato la paternità di queste opere sotto pseudonimo, ma tutti i presunti scrittori indipendenti i cui scritti sono ora attribuiti ad Atkinson vennero collegati tra loro in virtù del fatto che le loro opere furono pubblicate da una serie di case editrici con indirizzi comuni e scrissero anche per una serie di riviste con un elenco comune di autori.
Atkinson fu l’editore di tutte quelle riviste e i suoi autori pseudonimi agirono prima come collaboratori dei quotidiani, dopodiché furono scorporati nella loro stessa carriera editoriale, e la maggior parte dei loro libri furono pubblicati dalle case editrici di Atkinson.
Una chiave per svelare questa intricata rete di pseudonimi si trova nella rivista «Advanced Thought», intitolata «Un Giornale del New Thought, Psicologia Pratica, Filosofia Yogi, Occultismo Costruttivo, Guarigione Metafisica, ecc.»
Questa rivista, diretta da Atkinson, pubblicizzò articoli di Atkinson, Yogi Ramacharaka e Theron Q. Dumon – questi ultimi due furono successivamente accreditati ad Atkinson – e aveva lo stesso indirizzo di The Yogi Publishing Society, che pubblicò le opere attribuite a Yogi Ramacharaka.
La rivista Advanced Thought magazine conteneva anche articoli di Swami Bhakta Vishita, ma, quando arrivò il momento di raccogliere gli articoli di Vishita sotto forma di libro, non vennero pubblicati dalla Yogi Publishing Society. Al contrario, furono pubblicati dal The Advanced Thought Publishing Co., la stessa casa editrice che pubblicò i libri di Theron Q. Dumont, ed anche la rivista Advanced Thought.

Mental Science and New Thought (William Walker Atkinson)
Mental Science and New Thought (William Walker Atkinson)

Negli anni del 1890, Atkinson si interessò all’induismo e dopo il 1900 si dedicò molto alla diffusione dello yoga e dell’occultismo orientale in Occidente. Non è ancora chiaro se si sia mai convertito a qualsiasi forma di religione indù, o se abbia semplicemente voluto scrivere su tale argomento. Se si è convertito, non ha lasciato alcuna traccia dell’evento.
Secondo fonti non verificate, mentre Atkinson era a Chicago alla World’s Columbian Exposition nel 1893, incontrò un Baba Bharata, allievo del mistico indiano Yogi Ramacharaka (1799 – 1893 circa). Come dice la storia, Bharata era venuto a conoscenza dei testi di Atkinson dopo essere arrivato in America. I due uomini condividevano idee simili e così decisero di collaborare. Durante la redazione della rivista New Thought, si sostiene che Atkinson scrisse con Bharata una serie di libri che attribuirono al maestro di Bharata, Yogi Ramacharaka. Questa storia non poté essere verificata e – così come la biografia «ufficiale» che affermava falsamente che Atkinson era un «autore inglese» – potrebbe essere una montatura.
In India non esiste alcuna testimonianza di uno Yogi Ramacharaka né esistono prove dell’immigrazione di un Baba Bharata in America. Inoltre, sebbene Atkinson possa essersi recato a Chicago per visitare la World’s Columbian Exposition del 1892/1893, in occasione della quale l’autentico yogi indiano Swami Vivekananda attirò un pubblico entusiasta, lo Yogi Ramacharaka è conosciuto solo per aver preso residenza a Chicago intorno al 1900 e per aver superato l’Illinois Bar Examination nel 1903.
La pretesa di Atkinson di avere un co-autore indiano non era inusuale tra gli scrittori del New Thought e New Age della sua epoca. Come Carl T. Jackson ha chiarito nel suo articolo del 1975 The New Thought Movement and the Nineteenth Century Discovery of Oriental Philosophy, Atkinson non è stato il solo ad adottare un «orientalismo» vagamente esotico come tema corrente nella sua scrittura, né ad accreditare indù, buddisti o sikh con il possesso di conoscenze speciali e tecniche segrete di chiaroveggenza, sviluppo spirituale, energia sessuale, salute o longevità.

La via era stata spianata a metà del XIX secolo da Paschal Beverly Randolph, che nei suoi libri Eulis and Seership scrisse che gli erano stati insegnati i misteri dello specchio rivelatore dal deposto Maharajah indiano Dalip Singh. Randolph era conosciuto per aver ricamato la verità quando si trattava della sua autobiografia (sosteneva che sua madre Flora Randolph, una donna afro-americana della Virginia, morta a undici anni, era stata una principessa straniera), ma in realtà stava dicendo la verità, o qualcosa di molto vicino ad essa, secondo il suo biografo John Patrick Deveney, quando ha detto di aver incontrato il Maharajah in Europa e di aver imparato da lui il modo corretto di utilizzare sia le pietre preziose lucidate che gli «specchi bhattah» indiani in divinazione.
Nel 1875, anno della morte di Randolph, l’ucraina Helena Petrovna Blavatsky fondò la Società Teosofica, con la quale diffuse gli insegnamenti dei misteriosi yogi illuminati dell’Himalaya, i Maestri dell’Antica Sapienza e le dottrine della filosofia orientale (in generale). Dopo questo lavoro pionieristico, alcuni rappresentanti di noti lignaggi della tradizione spirituale e filosofica indiana e asiatica come Vivekananda, Anagarika Dharmapala, Paramahansa Yogananda, e altri, cominciarono a venire in Occidente.
In ogni modo, nel 1903, Atkinson iniziò a scrivere (con o senza coautore) una serie di libri con il nome di Yogi Ramacharaka, pubblicando alla fine più di una dozzina di titoli con questo pseudonimo. I libri Ramacharaka furono pubblicati dalla Yogi Publication Society di Chicago e raggiunsero un numero di persone superiore a quello delle opere New Thought di Atkinson. Infatti, tutti i suoi libri sullo yoga vengono stampati ancora oggi.

Publications (William Walker Atkinson)
Raja Yoga (William Walker Atkinson)

Atkinson sembrava apprezzare l’idea di scrivere come un indù tanto da creare altri due personaggi indiani, Swami Bhakta Vishita e Swami Panchadasi. Stranamente, nessuna di queste identità scrisse riguardo l’induismo. Il loro lavoro si concentrava principalmente nelle arti della divinazione e della medianità, comprese le forme “orientali” di chiaroveggenza e veggenza. Dei due, Swami Bhakta Vishita era di gran lunga il più popolare, e con più di 30 titoli a suo merito, riuscì alla fine a superare persino Yogi Ramacharaka.

Nel 1903, lo stesso anno in cui iniziò la sua carriera di scrittore come Yogi Ramacharaka, Atkinson fu ammesso al Bar dell’Illinois. Probabilmente fu il desiderio di proteggere la sua carriera di avvocato che lo portò ad adottare così tanti pseudonimi, ma se così fosse, non lasciò alcuna testimonianza scritta che documentasse tale motivazione.

Non sappiamo quanto tempo Atkinson dedicò al suo studio legale dopo essersi trasferito a Chicago, ma è improbabile che sia stata una carriera a tempo pieno – considerando la sua incredibile produzione nel corso dei successivi 15 anni come scrittore, redattore ed editore nei campi del New Thought, yoga, occultismo, medianità, divinazione e successo personale.

L’apice della sua prodigiosa capacità produttiva venne raggiunta nel tardo 1910. Oltre a scrivere e pubblicare un flusso costante di libri e opuscoli, Atkinson iniziò a scrivere articoli per la rivista New Thought Nautilus di Elizabeth Towne, già nel novembre del 1912; mentre dal 1916 al 1919, ha contemporaneamente diretto la propria rivista Advanced Thought. Durante questo stesso periodo trovò altresì il tempo per ricoprire la carica di presidente onorario dell’International New Thought Alliance.
Tra gli ultimi collaboratori con il quale Atkinson avrebbe potuto lavorare fu il mentalista C. Alexander, “The Crystal Seer” (il veggente di cristallo), il cui libretto di preghiera recitativa New Thought, “Lezioni personali, codici e istruzioni per i membri della Crystal Silence League”, pubblicato a Los Angeles negli anni del 1920, conteneva (nella sua ultima pagina) una pubblicità per una vasta lista di libri di Atkinson, Dumont, Ramacharaka, Vishita e del collabratore di Atkinson, l’occultista L. W. de Laurence.

Death Certificate for William Walker Atkinson
William Walker Atkinson (Yogi Ramacharaka)

Atkinson morì il 22 novembre 1932 a Los Angeles, in California, all’età di 69 anni, dopo 50 anni di brillante carriera negli affari, nella scrittura, nell’occultismo e nella legge.
Molti misteri circondano ancora la vita di Atkinson, compreso il fatto che un certificato di copyright rilasciato tre anni dopo la sua morte sarebbe stato firmato dall’autore stesso.