Edizioni Discovery

 

Nikola Tesla | Edizioni Discovery | Discovery Publisher
Edizioni Discovery, non include solo autori, editori e designer, ma anche responsabili di progetti, fotografi, registi, narratori, poeti e artisti.
Edizioni Discovery, pubblicazione, media, libri, tascabili, ebooks, kindle, ibooks, applicazioni mobili, google play, windows store, biografia, viaggi, spiritualità, storia, romanzo, trasformazione personale, crescita spirituale, risveglio, autore, insegnante spirituale, pensatore , guaritore, visionario, artista
16023
page-template-default,page,page-id-16023,page-child,parent-pageid-16021,bridge-core-1.0.5,,qode-page-loading-effect-enabled, vertical_menu_transparency vertical_menu_transparency_on,side_area_uncovered_from_content,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-18.1,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive
 

Nikola Tesla

Il famoso inventore serbo-americano Nikola Tesla è nato il 10 luglio 1856 a Smiljan, Croazia. L’interesse di Tesla per l’invenzione elettrica fu probabilmente suscitato da sua madre, Djuka Mandic, che durante la sua infanzia inventava nel tempo libero piccoli apparecchi domestici.
Nikola Tesla: My Inventions

L’inventore serbo-americano Nikola Tesla è nato nel luglio del 1856, in quella che oggi è la Croazia. Arrivato negli Stati Uniti nel 1884, lavorò brevemente con Thomas Edison prima che le loro vie si separassero. Ha venduto numerosi brevetti, compresi quelli delle sue macchine a corrente alternata, a George Westinghouse. La sua invenzione del 1891, la «bobina Tesla», è ancora oggi utilizzata nella tecnologia radio. Tesla morì a New York City il 7 gennaio 1943.

Il famoso inventore serbo-americano Nikola Tesla è nato il 10 luglio 1856 a Smiljan, Croazia. L’interesse di Tesla per l’invenzione elettrica fu probabilmente suscitato da sua madre, Djuka Mandic, che durante la sua infanzia inventava nel tempo libero piccoli apparecchi domestici. Il padre di Tesla, Milutin Tesla, era un sacerdote. Dopo aver studiato nel 1870 alla Realschule, Karlstadt (poi ribattezzata Johann-Rudolph-Glauber Realschule Karlstadt), al Politecnico di Graz (Austria) e all’Università di Praga, Tesla iniziò a prepararsi per un viaggio in America.
Il 30 luglio 1891, all’età di 35 anni, Tesla divenne un autentico cittadino degli Stati Uniti e fondò il suo laboratorio nella South Fifth Avenue, e successivamente un secondo laboratorio al 46 di E. Houston Street, a New York. Accese le lampade elettriche senza fili in entrambi i luoghi, dimostrando il possibile trasferimento dell’energia senza fili. Nello stesso anno, brevettò la bobina di Tesla.
Tesla fu vicepresidente dell’American Institute of Electrical Engineers, il precursore (insieme all’Institute of Radio Engineers) dell’attuale IEEE (Istituto degli ingegneri elettrici ed elettronici), dal 1892 al 1894.

Blue Portrait of Nikola Tesla
Nikola Tesla in 1890

Tesla arrivò negli Stati Uniti nel 1884 e da allora iniziò a lavorare con il famoso inventore e magnate degli affari Thomas Edison. I due lavorarono insieme per un breve periodo prima di separarsi a causa di un conflittuale rapporto economico-scientifico, attribuito dagli storici alle loro incredibili e diverse personalità: Mentre Edison era una figura di potere che si concentrava sul marketing e sul successo finanziario, Tesla era un inventore commercialmente scostante e un pò vulnerabile, eppure estremamente importante, che ha aperto la strada ad alcune delle invenzioni più importanti della storia. Tra le sue invenzioni ricordiamo la «bobina di Tesla», sviluppata nel 1891, e un sistema elettrico a corrente alternata di generatori, motori e trasformatori, entrambi ancora oggi ampiamente utilizzati.
Solamente sull’impianto elettrico in corrente alternata, Tesla possedeva 40 brevetti di base negli Stati Uniti, che successivamente vendette a George Westinghouse, un ingegnere e uomo d’affari americano che era fermamente deciso a fornire alla nazione il sistema in corrente alternata di Tesla. Ci sarebbe davvero riuscito, non molto tempo dopo aver acquistato i brevetti Tesla. Più o meno nello stesso periodo, sorse un conflitto tra Tesla ed Edison, poiché Edison era deciso a vendere il suo sistema a corrente continua alla nazione. Secondo la Tesla Memorial Society di New York, Tesla-Westinghouse alla fine vinse perché il sistema di Tesla era «una tecnologia superiore», presentando un maggiore «progresso sia dell’America che del mondo» rispetto al sistema a corrente continua di Edison. Al di fuori dei suoi brevetti di sistema AC, Tesla ha venduto diversi altri diritti di brevetto a Westinghouse.
Alla World Columbian Exposition del 1893, tenutasi a Chicago, Tesla condusse dimostrazioni del suo sistema di corrente alternata, che divenne presto il sistema di alimentazione standard del XX secolo, e da allora è rimase lo standard mondiale. Due anni dopo, nel 1895, Tesla progettò la prima centrale idroelettrica alle Cascate del Niagara, un progetto fortemente pubblicizzato in tutto il mondo.

Intorno al 1900 – all’incirca un decennio dopo aver inventato la «bobina di Tesla» – Tesla iniziò a lavorare al suo più audace progetto: Costruire un sistema di comunicazione globale – attraverso una grande torre elettrica – per condividere le informazioni e fornire elettricità gratuita in tutto il mondo. Il sistema, tuttavia, non fu mai realizzato; fallì a causa di restrizioni finanziarie e Tesla non ebbe altra scelta che abbandonare il laboratorio di Long Island, a New York, che ospitava il suo lavoro sul progetto della torre, Wardenclyffe. Nel 1917, il sito di Wardenclyffe fu venduto e la torre di Tesla fu distrutta.
«È davvero una tristissima storia», dice Larry Page, co-fondatore di Google, in un’intervista del 2008 con la rivista Forbes. «Tesla non poteva commercializzare nulla. Riusciva a malapena a finanziare la propria ricerca».
Oltre al suo progetto di impianto elettrico, bobina e torre, nel corso della sua carriera Tesla ha scoperto, progettato e sviluppato idee per una serie di importanti invenzioni, la maggior parte delle quali sono state ufficialmente brevettate da altri inventori, tra la dinamo (generatore elettrico simile alla batteria) e il motore a induzione. Fu anche un pioniere nella scoperta della tecnologia radar, della tecnologia a raggi X e del campo magnetico rotante, la base della maggior parte delle macchine a corrente alternata. Tesla non è fu immune da errori rilevanti, sebbene abbia sostenuto il ricorso al controllo demografico attraverso l’eugenetica e le sterilizzazioni forzate.

Nikola Tesla morì povero e solitario il 7 gennaio 1943, all’età di 86 anni, a New York, dove aveva vissuto per quasi 60 anni. La sua eredità, tuttavia, è stata prospera per più di un secolo, e continuerà indubbiamente a vivere per i decenni a venire.
Numerosi libri e film hanno evidenziato la vita e le opere famose di Tesla, tra cui Nikola Tesla, «The Genius Who Lit the World» (Il Genio che ha illuminato il mondo), un film creato dalla Tesla Memorial Society e dal Nikola Tesla Museum di Belgrado, in Serbia, e «The Secret of Nikola Tesla» (Il segreto di Nikola Tesla), che vede Orson Welles nel ruolo di John Pierpont Morgan (J.P. Morgan). Negli ultimi anni è stato installato un cartello stradale intitolato “Nikola Tesla Corner” in onore del famoso inventore, vicino all’incrocio della 40°-6° Strada a New York City.

Blue Portrait of Nikola Tesla
Tesla Broadcast Tower (1904)

Nel corso degli ultimi anni, diverse organizzazioni no-profit, persone di alto livello, amministrazioni comunali e appassionati di Tesla sono stati coinvolti in una nuova iniziativa per sostenere l’eredità di Tesla: Un progetto per preservare il laboratorio newyorkese ancora in piedi e tuttora abbandonato di Tesla, Wardenclyffe, e trasformarlo in un museo dell’opera del famoso inventore. Per più di un decennio, il Nikola Tesla Science Center di New York ha lavorato per guadagnare terreno e, successivamente, per raccogliere fondi per la conservazione di Wardenclyffe. Da allora, la proprietà del laboratorio è passata da più mani, e l’interesse pubblico per il progetto è cresciuto lentamente ma inesorabilmente.
L’interesse è aumentato nel febbraio 2009, quando il sito Wardenclyffe è stato messo in vendita, per quasi 1,6 milioni di dollari. Per diversi anni, il Tesla Science Center ha lavorato diligentemente per raccogliere fondi per la conservazione del laboratorio. Il TSC è stato in grado di acquistare la proprietà nel 2013 e prevede di trasformare il sito in un museo della scienza.